MOSTRE

Phantom Brush

Dove: A plus A Gallery

Quando: 26/01/2023-26/03/2023

Phantom Brush
a cura di Edoardo Monti
Alyssa Klauer, Hannah Tilson e Danilo Stojanović
Inaugurazione il 26 gennaio 2023, ore 18
fino al 26 marzo 2023
A plus A Gallery
Il programma espositivo del 2023 della galleria A plus A avrà inizio con la mostra collettiva Phantom Brush curata da Edoardo Monti. L’esposizione è frutto della collaborazione tra la galleria A plus A e il centro culturale e residenza per artisti Palazzo Monti a Brescia, che da alcuni anni è diventato una fucina internazionali di talenti, in particolare nel campo della pittura. Per questa occasione Edoardo Monti ha selezionato i lavori di Alyssa Klauer (1995, USA), Hannah Tilson (1995, UK) e Danilo Stojanović (1989, Croazia), realizzati proprio du rante la loro permanenza in residenza.
Il titolo della mostra trae ispirazione dall’omonimo dipinto di Klauer, una delle prime opere che Edoardo Monti ebbe modo di vedere nello studio dell’artista americana durante la sua residenza presso Palazzo Monti, e che inconsciamente ha scatenato il dialogo con Tilson e Stojanović. I tre infatti costruiscono le proprie opere sulla base di effetti visivi, creando mondi paralleli, finiture delicate e dettagli fanta smagorici che si esplicitano in spazi psicologici intensi, coinvolgendo e riunendo immagini care alle memorie individuali.
La poesia pittorica di Stojanović, ricca di dicotomie e radicata in movimenti artistici con valori antagonistici, entra in dialogo con i disegni di Tilson, che per Phantom Brush presenta opere che ci riportano alle sue origini scozzesi. Klauer entra nella conversazione con piccole ma potenti tele, opere oniriche che presentano strati di vernice satura e allo stesso tempo trasparente.
Alyssa Klauer è una pittrice che vive tra New Haven, Connecticut e Brooklyn, New York. Ha conseguito il BFA presso il Maryland Institute College of Art nel 2017 e il MFA presso la Cranbrook Academy of Art nel 2019. Le sue opere sono state esposte, tra l’altro, al Museum of Museums di Seattle, alla Fredericks and Freiser Gallery e alla Sean Kelly Gallery di New York. Il suo lavoro medita sul “Queer Time”, l’idea che gli individui Queer spesso sperimentano una seconda adolescenza quando si trovano ad affrontare esperienze come il coming out. I dipinti di Alyssa Klauer sono caratterizzati da un approccio unico al colore. Strati di pittura satura ma al contempo trasparente sono combinati intuitivamente per creare una luminosità spettrale e iridescente. Si avvale di figure composite per coinvolgere e mettere insieme immagini incongruenti per creare un intenso spazio psicologico. Questa frammentazione appare come una transizione delle figure tra uno spazio onirico interno e una realtà esterna.
Hannah Tilson, nata nel 1995, vive e lavora a Londra. Si è laureata alla Slade School of Fine Art nel 2018, e ha studiato alla New York Studio School Ha conseguito un diploma post-laurea alla Royal Drawing School nel 2021. Hannah Tilson è stata inserita nella longlist del Ruth Borchard Self Portrait Prize nel 2021.
Hannah Tilson si esprime attraverso diversi mezzi come pittura, disegno, ricamo e stampa. Le sue opere sono caratterizzate da spazi
vibranti e frammentati ricche di motivi, Tilson vede il suo corpo e i tessuti in cui è avvolto come un paesaggio/pattern e desidera che gli spettatori si interroghino su ciò che vedono e che sperimentino questo spazio turbolento e in rapido movimento.
Danilo Stojanović, nato nel 1989 a Pola, Croazia, vive e lavora a Venezia, Italia. Si è diplomato in Pittura all’Accademia di Belle Arti di Venezia nel 2018. I dipinti di Danilo Stojanović sono spesso caratterizzati immagini liquide che simboleggiano il tessuto fondamentale delle nostre vite e allo stesso tempo la forza creativa. Stojanović con i suoi dipinti spesso si immerge in una tavolozza più fredda e scura di blu acquatici, verdi e grigi, come se le opere fossero tutte ambientate dopo il crepuscolo. Le sue composizioni sono caratterizzate da immagini che si immergono l’una nell’altra. Ma i dipinti di Stojanović non rientrano in un unico genere o quadro, essi rimandano all’estetica gotica, al surrealismo, a dei thriller fantascientifici, a delle nature morte. In tutte le tele rintracciamo un comune denominatore costituito da una sensibilità emotiva e una potenziale ironia, che rimbalza nei titoli: chiaroveggenza, strazio, ansia, romanticismo.
Nato a Bergamo nel 1991, Edoardo Monti studia al Central Saint Martins College of Art and Design di Londra. Dopo aver lavorato per otto anni da Stella McCartney a New York, decide di dedicarsi esclusivamente all’arte contemporanea e di applicare le competenze acquisite nel corso degli anni a livello locale, valorizzando il territorio lombardo, con l’intento di costruire ponti tra artisti, artigiani ed istituzioni in tutto il mondo. Fonda il del centro culturale e residenza d’artista Palazzo Monti nel 2017, dove espone la sua collezione personale e organizza 40 mostre in cinque anni, anche presso Musei e gallerie private. Membro del consiglio di amministrazione del Club GAMeC, dell’Italian Art Trust e del comitato di selezione della fiera Collectible di Bruxelles, Monti è anche direttore di Belle Arti, associazione culturale presieduta da Massimo Minini e collabora con ArtVerona.
Nel cuore di Brescia, in un edificio storico del XIII secolo decorato con affreschi del 1750, si trova una residenza d’artista inedita, Palazzo Monti. Convertiti in atelier dinamici, gli spazi del Palazzo riacquistano una nuova vita e sono sfruttati dal primo mattino fino a tarda notte da creativi che condividono la propria quotidianità e sperimen tano diverse pratiche artistiche: pittura, fotografia, scultura, arti visive e design. Selezionati anonimamente da un comitato di esperti di settore internazionali e affiancati dalla direzione del fondatore della residenza, durante la permanenza i partecipanti sono invitati ad immergersi in un contesto unico e propizio alla creatività.
Ad oggi, gli oltre 200 artisti provenienti da 50 paesi, hanno realizzato quadri e stampe, opere e oggetti in ceramica, ferro, bronzo, marmo o legno ispirati al savoir-faire del territorio italiano. Completamente indipendente, il progetto è stato fondato nel 2017, finanziato e curato da Edoardo Monti, collezionista e curatore di origini bergamasche.
Costruire un dialogo tra artisti internazionali e la comunità artigianale italiana e divulgarlo tramite le opere che viaggeranno per tutto il mondo, questo è l’intento di Edoardo Monti.

A plus A Gallery
San marco 3073, Venezia
e-mail: info@aplusa.it
tel: +390412770466


The Mariangela

Dove: Roma

Quando: dal 18/11/2022 al 27/11/2022

THE MARIANGELA

Mostra personale del fotografo egiziano AHMED BARAKAT

A cura di Giovanna Gazzolo e Kristina Milakovic

Gall'Art Roma
Vicolo de' Bovari 7/a
Roma

Dal 18 al 27 novembre 2022

Vernissage/ Performance:
18 novembre dalle ore 18.30

Siamo lieti di ospitare in galleria dal 18 al 27 novembre 2022, la mostra fotografica di Ahmed Barakat.

Il titolo della mostra è “The Mariangela” e comprende 20 scatti fotografici di Ahmed Barakat che incarnano molti sentimenti diversi delle donne come rabbia, tristezza, ribellione e gioia.
Barakat ha dichiarato: “Sono orgoglioso di essere stato invitato dalla Galleria Gall'Art Roma, in quanto straniero ed avere la mia mostra personale”

Può essere la madre, la sorella, la moglie o la figlia. Tutti noi siamo circondati dal femminile. Veniamo tutti dal grembo materno. Abbiamo le sorelle dello stesso sangue, mogli come partner dell'anima. Abbiamo figlie che sono parte di noi. La femmina è l'anima, il cuore e il sangue nelle vene.
The Mariangela è esempio di sentimenti dell'anima della donna che testimonia questa vita.

Questa è la visione dell'artista che non è uguale per tutti, giusta o sbagliata che sia.


AHMED BARAKAT è un artista plastico egiziano contemporaneo. È nato in Kuwait nel 1981 e ha vissuto in una società pluri-culturale che l'hanno spinto ad aprirsi ad altre culture e hanno contribuito alla sua visione aperta del mondo che lo circonda, caratterizzata dall'essere maturo e diverso. Il suo talento per il disegno è iniziato in giovane età, incoraggiato dai suoi genitori, insegnanti d'arte, nelle varie fasi educative. Successivamente, si è laureato presso l'Accademia di Belle Arti del Cairo, cattedra di interior design e decorazione.
Barakat ha visitato diversi paesi europei e arabi e ha partecipato a più di 70 mostre e attività artistiche internazionali sia individuali che collettive che hanno arricchito la sua ricerca e lavoro artistico.
È un artista contemporaneo che ha sperimentato diverse tecniche tra disegno, scultura e pittura con la luce, la fotografia e l'installazione. È membro del Syndicate of Fine Artists e membro dell'Egyptian Free Theatre Association nel campo della decorazione. È anche membro della Egyptian Society for Photography, della International Federation of Photographic Art “FIAP” e della Photographic Society of America “PSA”. Inoltre, la sua affiliazione include anche il Saudi World of Photography Group "WPG" e l'Afro-Asian Union for International Law and Dispute Settlement.


The Mariangela

Dove: Roma

Quando: dal 18/11/2022 al 27/11/2022

THE MARIANGELA

Mostra personale del fotografo egiziano AHMED BARAKAT

A cura di Giovanna Gazzolo e Kristina Milakovic

Gall'Art Roma
Vicolo de' Bovari 7/a
Roma

Dal 18 al 27 novembre 2022

Vernissage/ Performance:
18 novembre dalle ore 18.30

Siamo lieti di ospitare in galleria dal 18 al 27 novembre 2022, la mostra fotografica di Ahmed Barakat.

Il titolo della mostra è “The Mariangela” e comprende 20 scatti fotografici di Ahmed Barakat che incarnano molti sentimenti diversi delle donne come rabbia, tristezza, ribellione e gioia.
Barakat ha dichiarato: “Sono orgoglioso di essere stato invitato dalla Galleria Gall'Art Roma, in quanto straniero ed avere la mia mostra personale”

Può essere la madre, la sorella, la moglie o la figlia. Tutti noi siamo circondati dal femminile. Veniamo tutti dal grembo materno. Abbiamo le sorelle dello stesso sangue, mogli come partner dell'anima. Abbiamo figlie che sono parte di noi. La femmina è l'anima, il cuore e il sangue nelle vene.
The Mariangela è esempio di sentimenti dell'anima della donna che testimonia questa vita.

Questa è la visione dell'artista che non è uguale per tutti, giusta o sbagliata che sia.


AHMED BARAKAT è un artista plastico egiziano contemporaneo. È nato in Kuwait nel 1981 e ha vissuto in una società pluri-culturale che l'hanno spinto ad aprirsi ad altre culture e hanno contribuito alla sua visione aperta del mondo che lo circonda, caratterizzata dall'essere maturo e diverso. Il suo talento per il disegno è iniziato in giovane età, incoraggiato dai suoi genitori, insegnanti d'arte, nelle varie fasi educative. Successivamente, si è laureato presso l'Accademia di Belle Arti del Cairo, cattedra di interior design e decorazione.
Barakat ha visitato diversi paesi europei e arabi e ha partecipato a più di 70 mostre e attività artistiche internazionali sia individuali che collettive che hanno arricchito la sua ricerca e lavoro artistico.
È un artista contemporaneo che ha sperimentato diverse tecniche tra disegno, scultura e pittura con la luce, la fotografia e l'installazione. È membro del Syndicate of Fine Artists e membro dell'Egyptian Free Theatre Association nel campo della decorazione. È anche membro della Egyptian Society for Photography, della International Federation of Photographic Art “FIAP” e della Photographic Society of America “PSA”. Inoltre, la sua affiliazione include anche il Saudi World of Photography Group "WPG" e l'Afro-Asian Union for International Law and Dispute Settlement.


Roma - Sacro e profano

Dove: Roma

Quando: dal 3/11/2022 al 13/11/2022

Gall'Art Roma presenta

ROMA – SACRO E PROFANO

MOSTRA FOTOGRAFICA
dell'architetto e fotografa

ANNA ZAVILEISKAIA


Testo critico di TOMMASO GAZZOLO



GALL'ART ROMA
VICOLO DE' BOVARI, 7
ROMA

ROMA, 4 – 13 NOVEMBRE 2022
Vernissage: il 4 novembre 2022, ore 18.30


Siamo lieti di ospitare in galleria dal 4 al 13 novembre 2022, la mostra fotografica di Anna Zavileiskaia.
Roma, tra il sacro e il profano. Scatti fotografici su Roma visti dagli occhi di una fotografa ed architetto russa che frequentando Roma da molti anni, individua in essa la sua seconda casa, conoscendone i pregi e i difetti, come in un'infinita storia d'amore.
Tommaso Gazzolo scrive nel suo testo critico: "nelle fotografie di Anna Zavileiskaia si coglie il tentativo di catturare non le immagini di Roma, ma Roma in quanto immagine, ed immagine spaccata in due, nella dialettica immobile del sacro e del profano.
Non si tratta infatti, in questi scatti, di separare il sacro dal profano – come se essi, tenendosi distinti, formassero la geografia della città –, ma di trovare la formula magica attraverso la quale far vedere ciò che di sacro c'è in ogni immagine profana, e viceversa. Il sacro è nello stesso luogo del profano - in una strada, all'angolo di un bar -, così come il profano è già sempre nel sacro...".
All'inaugurazione parteciperà anche l'artista.


Arte & Parole

Dove: Galleria Gard

Quando: 19/10/2002 - 02/11/2022

Arte & Parole
Esposizione Collettiva di Arte Contemporanea
ARTISTI: Francesca Bianchi - Lorenza Bucci Casari - Paola Chierichetti - Silvano Debernardi - Angela Esposito - Federico Farnesi - Giovanni Ingrassia - Marinò - Sonia Mazzoli - Marisa Muzi - Saro Puma - Roberto Saglietto - Sergio Savarino - Scegle - Federica Scoppa -Vincenza Spiridione - Tomas – TrasformArte
A CURA DI: Sonia Mazzoli e Marina Zatta
Staff : Enrica Bartocci e Lorenzo Salinetti
La Galleria GARD presenta da mercoledì 19 ottobre la XIII° edizione della mostra ARTE & PAROLE , esposizione collettiva di Arte Contemporanea, inserita nel RAW - Rome Art Week 2022, ARTE & PAROLE è una delle mostre che la Galleria Gard propone a cadenza annuale, il padrino del progetto era Remo Remotti ( attore, poeta e artista Romano ) , dopo la sua scomparsa è stato deciso di dedicare a lui le edizioni a venire. Parte della serata inaugurale verrà dedicata alla parola. Diciotto sono gli artisti selezionati , diversi per stile, linguaggi e tecniche usate, obiettivo è creare un'esposizione ricca di generi artistici che rende omaggio alla parola creando una con-fusione tra comunicazione verbale e visiva, il comune denominatore delle opere in esposizione è l’unione dell'opera con la parola, intesa non solo come parola reale, ma come verso, poesia, a volte immaginaria, collegata inconsciamente all'opera stessa.

La serata di apertura sarà accompagnata da : Art & Wine - Degustazione di Vini ed eccellenze enogastronomiche a cura di : Federica Christine Marzoli Sommelier - Viene chiesto un contributo per la degustazione
Cenni Storici - Galleria Arte Roma Design:
Nasce nel 1995, con la funzione di editore, promotore, produttore e distributore di Arte e Design Autoprodotto. Nel tempo le sono stati riconosciuti contenuti di particolare creatività e fantasia sia da Istituzioni Pubbliche sia dai media che hanno seguito sempre con grande interesse l’evoluzione della Galleria diventata un importante punto nevralgico per gli artisti emergenti, un punto di raccordo e sperimentazione. Negli anni, numerosi personaggi del mondo della pittura, del design, della poesia, del teatro e del cinema, si sono avvicinati alla Galleria collaborando con il suo staff in numerose iniziative. Dal 1997 GARD sceglie come ubicazione uno spazio di 600 mq. tra il Gazometro e la Piramide Cestia, ex zona industriale del vecchio porto fluviale di Roma; spazio multifunzionale che si presta periodicamente per esposizioni ed eventi di arte, design e cultura, affiancando attività di promozione a laboratori creativi dedicati alla manualità, dedicando una specifica attenzione alla sperimentazione di nuovi linguaggi artistici e all’utilizzo di materiali di recupero e riciclo. Il 20 ottobre 2011 la Galleria viene coinvolta nell’alluvione di Roma ed è costretta a chiudere. Ci vogliono tre anni per poter bonificare e riqualificare i locali, tamponare e far fronte ai molti danni, viene fatto un progetto e un intervento di riduzione spazi e nuova destinazione d’uso di alcune aree. GARD, ha saputo tuttavia far fronte, specie in questi ultimi anni, agli innumerevoli problemi insorti con la solita volontà e grinta che l’hanno sempre contraddistinta.
Cenni Storici : Soqquadro è un'associazione culturale che nasce nell'ottobre del 2000 e da allora ad oggi ha realizzato più di 150 mostre in spazi pubblici e privati, in Italia e all'Estero, collaborando con circa 500 artisti, pittori, scultori, fotografi, video artisti, performer, designer.

DOVE: GARD Galleria Arte Roma Design - V. Dei Conciatori 3/i (giardino interno codice entrata 9090) M Piramide
INAUGURAZIONE: Mercoledì 19 Ottobre - dalle 17.00 alle 21.00
DEGUSTAZIONE : Art & Wine - Vini ed eccellenze enogastronomiche a cura di : Federica Christine Marzoli
DURATA : Dal 19 Ottobre al 2 Novembre 2022
ORARI: 16.30/19.30 dal lunedì - al venerdì - (visitabile solo su appuntamento “ WhatsApp o Sms”)
INGRESSO: libero – Info e Prenotazioni +39 340.3884778 -
Infomail: soniagard@gmail.com

Ufficio Stampa - Marina Zatta


Arte & Parole

Dove: Galleria Gard

Quando: 19/10/2002 - 02/11/2022

Arte & Parole
Esposizione Collettiva di Arte Contemporanea
ARTISTI: Francesca Bianchi - Lorenza Bucci Casari - Paola Chierichetti - Silvano Debernardi - Angela Esposito - Federico Farnesi - Giovanni Ingrassia - Marinò - Sonia Mazzoli - Marisa Muzi - Saro Puma - Roberto Saglietto - Sergio Savarino - Scegle - Federica Scoppa -Vincenza Spiridione - Tomas – TrasformArte
A CURA DI: Sonia Mazzoli e Marina Zatta
Staff : Enrica Bartocci e Lorenzo Salinetti
La Galleria GARD presenta da mercoledì 19 ottobre la XIII° edizione della mostra ARTE & PAROLE , esposizione collettiva di Arte Contemporanea, inserita nel RAW - Rome Art Week 2022, ARTE & PAROLE è una delle mostre che la Galleria Gard propone a cadenza annuale, il padrino del progetto era Remo Remotti ( attore, poeta e artista Romano ) , dopo la sua scomparsa è stato deciso di dedicare a lui le edizioni a venire. Parte della serata inaugurale verrà dedicata alla parola. Diciotto sono gli artisti selezionati , diversi per stile, linguaggi e tecniche usate, obiettivo è creare un'esposizione ricca di generi artistici che rende omaggio alla parola creando una con-fusione tra comunicazione verbale e visiva, il comune denominatore delle opere in esposizione è l’unione dell'opera con la parola, intesa non solo come parola reale, ma come verso, poesia, a volte immaginaria, collegata inconsciamente all'opera stessa.

La serata di apertura sarà accompagnata da : Art & Wine - Degustazione di Vini ed eccellenze enogastronomiche a cura di : Federica Christine Marzoli Sommelier - Viene chiesto un contributo per la degustazione
Cenni Storici - Galleria Arte Roma Design:
Nasce nel 1995, con la funzione di editore, promotore, produttore e distributore di Arte e Design Autoprodotto. Nel tempo le sono stati riconosciuti contenuti di particolare creatività e fantasia sia da Istituzioni Pubbliche sia dai media che hanno seguito sempre con grande interesse l’evoluzione della Galleria diventata un importante punto nevralgico per gli artisti emergenti, un punto di raccordo e sperimentazione. Negli anni, numerosi personaggi del mondo della pittura, del design, della poesia, del teatro e del cinema, si sono avvicinati alla Galleria collaborando con il suo staff in numerose iniziative. Dal 1997 GARD sceglie come ubicazione uno spazio di 600 mq. tra il Gazometro e la Piramide Cestia, ex zona industriale del vecchio porto fluviale di Roma; spazio multifunzionale che si presta periodicamente per esposizioni ed eventi di arte, design e cultura, affiancando attività di promozione a laboratori creativi dedicati alla manualità, dedicando una specifica attenzione alla sperimentazione di nuovi linguaggi artistici e all’utilizzo di materiali di recupero e riciclo. Il 20 ottobre 2011 la Galleria viene coinvolta nell’alluvione di Roma ed è costretta a chiudere. Ci vogliono tre anni per poter bonificare e riqualificare i locali, tamponare e far fronte ai molti danni, viene fatto un progetto e un intervento di riduzione spazi e nuova destinazione d’uso di alcune aree. GARD, ha saputo tuttavia far fronte, specie in questi ultimi anni, agli innumerevoli problemi insorti con la solita volontà e grinta che l’hanno sempre contraddistinta.
Cenni Storici : Soqquadro è un'associazione culturale che nasce nell'ottobre del 2000 e da allora ad oggi ha realizzato più di 150 mostre in spazi pubblici e privati, in Italia e all'Estero, collaborando con circa 500 artisti, pittori, scultori, fotografi, video artisti, performer, designer.

DOVE: GARD Galleria Arte Roma Design - V. Dei Conciatori 3/i (giardino interno codice entrata 9090) M Piramide
INAUGURAZIONE: Mercoledì 19 Ottobre - dalle 17.00 alle 21.00
DEGUSTAZIONE : Art & Wine - Vini ed eccellenze enogastronomiche a cura di : Federica Christine Marzoli
DURATA : Dal 19 Ottobre al 2 Novembre 2022
ORARI: 16.30/19.30 dal lunedì - al venerdì - (visitabile solo su appuntamento “ WhatsApp o Sms”)
INGRESSO: libero – Info e Prenotazioni +39 340.3884778 -
Infomail: soniagard@gmail.com

Ufficio Stampa - Marina Zatta


Punti di Vista - Arte & Colori

Dove: Galleria Gard - Roma

Quando: 23/09/2022 - 10/10/2022

Esposizione collettiva di Arte Contemporanea

PUNTI DI VISTA - ARTE & COLORI DAL MONDO
ARTISTI SELEZIONATI:
Francesca Bianchi - Silvano Debernardi - Sonia Mazzoli - Marisa Muzi - Federica Scoppa - Tomas
PERSONALE: Lorenza Bucci Casari “Glifi Maya Immaginazioni”
A CURA DI: Sonia Mazzoli e Marina Zatta - Staff: Enrica Bartocci

La GARD Galleria Arte Roma Design, realtà nata nel 1995, rivolta da sempre alla promozione e diffusione di arte emergente e design autoprodotto, presenta una nuova edizione dell'esposizione denominata " Punti di Vista - Arte & Colori dal Mondo " collettiva di Arte contemporanea che ospiterà diversi linguaggi Artistici: pittura , fotografia, scultura, grafica pittorica e installazioni, sarà un mix di colori, di stili, di opere realizzate dal punto di vista dell'artista esecutore. Ogni artista riesce a vedere e a catturare delle impressioni, delle sensazioni, delle emozioni, delle immagini e si sforza di rappresentarle attraverso il proprio "Punto di Vista" mettendo in opera le proprie tecniche, la propria arte così l'approccio con l'esterno risulta diverso da individuo a individuo. Contestualmente, ogni spettatore o visitatore percorrendo lo spazio espositivo riuscirà a vedere tutte le opere e liberamente interpretarle dal proprio "Punto di Vista", traendone ciascuno le proprie emozioni.

Le opere selezionate saranno di 6 artisti, Francesca Bianchi, Silvano Debernardi, Sonia Mazzoli, Marisa Muzi, Federica Scoppa, Tomas, diversi per generi e tecniche di esecuzione, l’esposizione risulta variopinta e movimentata.

Una sala sarà dedicata alla mostra personale di Lorenza Bucci Casari, dal titolo “Glifi Maya Immaginazioni”. I Maya hanno sempre usato calendari basati sui ritmi della Luna per calcolare e sincronizzarsi con la nostra galassia. Grazie all’ immutato ritmo lunare, il loro anno è composto da 13 lune, ossia 364 giorni. Il giorno in più, Tempo senza Tempo è dedicato a fare il bilancio dell’anno vecchio e prepararsi a quello nuovo. Lo Tzolkin è il calendario mistico spirituale da cui prendevano i nomi per i loro figli e da cui comprendevano lo scopo/intento che, nascendo, stavano portando alla terra. Anche ora, l’uso del sincronario serve a conoscere attraverso giorno e anno di nascita il proprio KIN tono galattico legato alle capacità e al destino, nonché il proprio glifo del segno solare, ce ne sono 20. Inoltre ogni segno è modulato da altri 5 “ascendenti”, come La Guida, l’ Antipode, L’ Analogo, L ‘Occulto.

Cenni Storici :Galleria Arte Roma Design: è una storica galleria aperta negli anni ’90 che ha nel tempo progettato centinaia di eventi d’arte con più di 1.000 artisti. Situata al centro di Roma, nel quartiere Ostiense che vede la presenza del sito archeologico della Piramide Cestia, del Cimitero Acattolico in cui sono sepolti molte personalità della Storia e della Cultura e della Centrale Montemartini, spazio industriale adibito a Museo Archeologico.

Cenni Storici : Soqquadro è un'associazione culturale che nasce nell'ottobre del 2000 e da allora ad oggi ha realizzato più di 150 mostre in spazi pubblici e privati, in Italia e all'Estero, collaborando con circa 500 artisti, pittori, scultori, fotografi, video artisti, performer, designer.


DOVE: GARD Galleria Arte Roma Design - V. Dei Conciatori 3/i (giardino interno) M Piramide
INAUGURAZIONE: Venerdì 23 Settembre - dalle 17,00 alle 21,00
EVENTO EXTRA: personale di Lorenza Bucci Casari “Glifi Maya Immaginazioni”
DURATA : dal 23 settembre al 10 ottobre 2022
ORARI: dalle 16.30 alle 20.00 - dal lunedì - al venerdì - ( necessaria la prenotazione al 3403884778)
INGRESSO: libero - Infotel: +39 340.3884778 - Infomail: soniagard@gmail.com


Praga photo 2022

Dove: Praga 1

Quando: dal 18 al 25 ottobre 2022

Siamo lieti di annunciare la nostra partecipazione alla tredicesima edizione di
Prague photo festival.
Che si svolgerà nel cuore della città di Praga nello splendido palazzo barocco Hrzànscký
dal 18 al 23 ottobre 2022
Vernissage lunedì 17 ottobre ore 18:30 (ingresso libero)
Saranno presenti gli autori:
Valentina Bellomo vincitrice della call for entry 2022
Le menzioni speciali della call for entry 2022
Sara Grimaldi ed Elisabetta Marangon
La residente d’artista 2021/2022
Lea Jazbec
Inoltre i progetti di
Anna Rita Barbarossa
Claudia Borgia,
Luisa Briganti,
Simona Caprioli / Riccardo Cecchetti
Stefano Cherti,
Mario Faedda,
Tiziana Fustini
e
Aminta Pierri
Praga Hrzànský Palàc
Palàc Hrzànû z Harasova
Celetnà 12| Praha 1

https://www.csfadams.it/eventi/praga-photo-2022/
http://www.kromart.it/praga-photo-2022/
https://www.praguefoto.cz/

Per informazioni: csfadams@gmail.com
kromartgallery@gmail.com


Bi-personale G. Serravalli - L

Dove: iKonica Art Gallery - Milano

Quando: 14 - 21 Settembre

Inaugurazione delle mostre di G. Serravalli e L. Turco nell'ambito del Photofestival di Milano, giovedì 15 dalle 17.30 alle 21.00.
I due fotografi dai percorsi professionali e personali molto differenti ci offrono attraverso i loro scatti una lettura del mondo che ci circonda .
In particolare Gianluigi Serravalli ci racconta il contesto in cui tutti ci muoviamo, la città, con scatti ironici, critici e sarcastici.
Laura Turco ci presenta la narrazione di luoghi dimenticati, abbandonati, cui riesce con la propria sensibilità e tecnica a "ridar vita" o meglio a farci immaginare come essi erano quando popolati,


SUPAVENEZIA

Dove: A plus A Gallery Venezia

Quando: 01/09/2022 - 25/09/2022

SupaVenezia
Vernice il 31 agosto 2022 alle ore 18.00
31.08 — 25.09.2022
Un progetto di Sarah Staton, a cura degli studenti della School for. Curatorial Studies Venice

La galleria A plus A ospita dal 31 agosto 2022 la prima edizione italiana di SupaStore, un progetto ideato dall’artista e curatrice Sarah Staton nel 1993 a Londra. L'edizione veneziana è curata dagli studenti della School for Curatorial Studies Venice ed è un evento ufficiale della The Italian Glass Weeks 2022.

Ospitato in decine di destinazioni internazionali, tra cui New York (SupaStore Luxe . 1996, SupaStore Noir - 1997), Bregenz (SupaStore in the Mountains - 1998), Vienna, (SupaStore Sleep -2014), Berlino (SupaStore Tina - 2015) e Lituania (SupaStore NIDA – 2020) e Corea del Sud (SupaStore Pressure Drop - 2021), durante i suoi oltre venticinque anni di carriera, la mostra ha ospitato artisti come Andy Warhol, Jeff Koons, Damien Hirst, Chris Ofili, Tracy Emin e Fiona Banner.

SupaVenezia esplora la pratica dello shopping come attività sociale, comunitaria, politica ed economica, mettendo in discussione i meccanismi neocapitalistici del mercato dell’arte. SupaStore ricalca l’idea di mercato esponendo un vasto numero di opere in edizione di multipli: un mezzo per rendere l’arte più accessibile sul versante economico e che ci invita a riconsiderare gli ideali di esclusività e autenticità. Le opere esposte, molte delle quali ideate appositamente per la mostra, abbattono così le barriere che intercorrono tra mercato dell’arte e visitatori, proponendo prezzi più accessibili e alla portata di tutti.

Alla base del consumismo, la produzione seriale degli oggetti permette un abbassamento dei prezzi con consequenziale allargamento del pubblico, un processo che in questo contesto viene applicato all’arte. Multipli, libri d’artista e non solo si potranno trovare nel SupaStore dove piccoli dettagli o impercettibili interventi concorreranno a rendere poetiche certe digressioni sull’impossibilità di avere due lavori identici.

Voci multiformi e corali si fondono in un caleidoscopio di più di trenta artisti e 16 giovani curatori provenienti da Australia, Sud Corea, Usa, Taiwan, Svizzera, Messico, Pakistan, Ucraina, Kazakistan, Brasile, Canada e Italia, che attraverso questa mostra in continuo cambiamento intendono questionare non solo l’odierno mercato dell’arte ma anche una società in cui benessere è spesso sinonimo di autodistruzione. Un processo che vede in Venezia un esempio emblematico.

In mostra opere di: AGOSTINO, Moozhan Ahmadzadegan, Francesca Anfossi, Taylor Carruthers, Nina Ceranic, Giorgia Agnese Cereda, Guendalina Cerutti, CHiNGLiSH WANG, Kate Davis and David Moore, Hannah Doucet, Saule Dyussembina, Julia Frank, Zuza Golinska, Phillipa Horan, Steph Huang, Melanie Jackson, Hetty Laycock, Jin Joo Lee, Jaspar Joseph Lester, Cosima Montavoci, Mila Morelli, Flore Mycek, Laura O Neill, Iryna Ozarinska, Minjoon Park, Cullinan Richards, Filippo Rizzonelli, Henrique Schmeil, Ioana Maria Sisea, Francesco Snote, Saule Suleimenova, Sunset Yogurt, Patricio Tejedo, Jake Tilson, Fabiano Vicentini, Klaus Weber, Maria Xilo, Camille Yvert.

Per la giornata di apertura sarà offerto un calice di prosecco della cantina Le Bertole®, per la quale è stata realizzata un'etichetta d'artista.

Parte del ricavato delle opere in vendita di SupaVenezia sarà devoluto a We are here Venice, un’organizzazione indipendente senza scopo di lucro dedicata alla salvaguardia di Venezia come città viva. Inoltre, durante tutto il periodo di apertura sarà attivo un punto di raccolta donazioni per l'associazione presso gli spazi della galleria A plus A. https://www.weareherevenice.org/

Il progetto è realizzato con il supporto di Royal College of Art.



# # #

Sarah Staton (1961) è un’artista che vive e lavora a Londra, UK, la cui pratica artistica fonde scultura, pittura, architettura, design, editoria, moda e tecnologia per creare oggetti e spazi che sono al medesimo tempo estetici e utilitaristici. Senior Tutor in Scultura presso il Royal College of Art di Londra, ha esposto a livello internazionale in musei e gallerie come la Tate Modern, il Victoria and Albert Museum, il Mount Stuart e l’Osan Musuem of Contemporary Art. https://sarahstaton.com/

The School of Curatorial Studies Venice è una scuola di nuova concezione attiva dal 2004 e nata come progetto formativo della Galleria A plus A, che ha come scopo la diffusione dei saperi nell’ambito delle arti visive e l’introduzione alle professioni relative all’arte contemporanea. L’offerta formativa prevede ogni anno due corsi principali, uno in italiano dalla durata di un anno scolastico e l’altro internazionale che si svolge nel corso dei mesi estivi. I corsi sono tenuti da docenti e professionisti del settore provenienti da varie parti del mondo e alla fine delle lezioni gli studenti si confrontano con il difficile compito di ideare, strutturare e realizzare un evento espositivo. Studenti iscritti a questa edizione e co-curatori: Lucrezia Nardi, Taylor Carruthers, Patricio Tejedo, Valeriya Plehotko, Ayman Kassem, Sharon Mee, Jeffrey wang, Amélie Bès, Natasha Roberts, Ghazala Raees, Jin Joo Lee, Lauren Fuller, Bates Assilbekova, Laura Matterazzo, Thais Domigues. https://www.corsocuratori.com/

A plus A è una galleria sita a Venezia diretta da Aurora Fonda e Sandro Pignotti dedicata alla sperimentazione di nuovi format espositivi e alla promozione di artisti nella produzione di mostre e progetti spesso site specific. Tra le principali attività della galleria c'è The School for Curatorial Studies Venice. Storicamente A plus A è stata la sede ufficiale del padiglione sloveno alla Biennale di Venezia dal 1998 al 2014. https://aplusa.it/

We are here Venice è un’organizzazione indipendente senza scopo di lucro dedicata alla salvaguardia di Venezia come città viva. Fondata nel 2015 da Jane Da Mosto e Liza Fior, opera sia come think tank che come piattaforma attivista, rafforzando le connessioni tra le migliori fonti di informazione disponibili, gli enti portatori di interesse e la comunità locale. Venezia, con la sua specificità, la sua storia e le sue complessità culturali, rappresenta un contesto unico per esplorare e agire su nuove e innovative politiche di resilienza. Le iniziative di WahV spaziano da progetti specifici, come ricerche e internships, a iniziative di sensibilizzazione per fornire informazioni al pubblico.


School for Curatorial Studies Venice
San Marco 3073
30124 Venezia
Tel/Fax: 0412770466
www.corsocuratori.com
www.aplusa.it


Pagine1234...32