MOSTRE

Flaurs | Nina Smidek

Dove: Acta International Roma

Quando: 12 aprile 2022

ACTA INTERNATIONAL
Diretta da Giovanna Pennacchi
Presenta:

Fleurs
Di Nina Smidek
A cura di Luisa Briganti in collaborazione con
Centro Sperimentale di Fotografia Adams
Dal 12 aprile al 7 maggio 2022
Vernissage Martedì 12 aprile 2022 ore 18:00
https://www.csfadams.it/eventi/fleurs-di-nina-smidek-ad-acta-international/


Ruth Beraha A plus A Gallery

Dove: A plus A Gallery

Quando: Dal 6 aprile al 15 luglio 2022

“We will name her Tempest” è il titolo della personale di Ruth Beraha
ideata per lo spazio della galleria A plus A che inaugurerà a Venezia il 6 aprile 2022.
La mostra è il frutto di una riflessione sul potere dello sguardo e sul dominio delle immagini nella società contemporanea e nasce dal desiderio di sottrarsi a questo sistema di potere. “We will name her Tempest” è il secondo capitolo di un ciclo di mostre che l’artista ha recentemente presentato in diverse istituzioni italiane e internazionali.
Il pubblico si muove tra i resti di un luogo di culto immaginario: uno scheletro di metallo che richiama l’architettura di una cattedrale, all’interno della quale riecheggiano voci ostili, canti solenni e fantasmi di opere visive.
Il desiderio dell’artista di sottrarsi allo sguardo violento e prevaricatore del potere si declina in una serie di installazioni sonore e scultoree inedite, proprie di una distopia iconoclasta. Il titolo della mostra richiama un evento distruttivo come una tempesta, di una creatura magnifica e insieme terribile, una divinità distruttrice e allo stesso tempo genitrice.
Ruth Beraha è stata recentemente assegnataria di un grant della Pollock-Krasner Foundation.
Il progetto è stato realizzato grazie al supporto della Ditta Braggio, Vicenza e grazie alla preziosa collaborazione di: Grazia Sechi, Giuseppe Ricupero, Lorenzo Esposito Fornasari, Simone Luigi Fagnani, Andrea Sanson, Diego Tolomelli.


Paola Angelini a Fondazione Co

Dove: Fondazione Coppola, Vicenza

Quando: Dal 26 febbraio al 26 giugno 2

Fondazione Coppola presenta la sua prossima attività espositiva, organizzata in seguito alla partecipazione al premio Level 0 di ArtVerona 2020, che ha visto l’impegno reciproco fra la Fondazione e A plus A Gallery di Venezia per la realizzazione di una mostra
sull’artista Paola Angelini.
L’esposizione, in programma dal 26 febbraio al 26 giugno 2022, si articola lungo tre piani del Torrione, sede della Fondazione Coppola, e si intitola Il tuffatore, un’allusione ad alcune immagini della storia della pittura – appartenenti alla remota antichità così come al passato recente – e un richiamo a una figura, quella del tuffatore, la cui presenza nell’immagine può sospendersi nello spazio e in una temporalità e narratività indefinita.
Così è la figurazione di Paola Angelini: mai compiutamente narrativa, ma sempre evocativa di potenziali storie che sembrano provenire da una memoria stratificata, con schegge e frammenti che possono momentaneamente rivelarsi per poi inabissarsi in un
magma profondo.
La mostra include diversi grandi lavori realizzati dal 2016 a oggi, che evidenziano alcuni degli aspetti più emblematici della poetica dell’artista: un’immagine che nasce dalla materialità del dipinto, cioè solo dopo un processo di costruzione del supporto che, attraverso una corposa preparazione/imprimitura a gesso e colla di coniglio, si ispessisce e irrigidisce; un supporto/superficie che dà vita a un paesaggio frastagliato, all’interno del quale le figure vengono chiamate a raccolta e a combinarsi seguendone la disarticolazione; l’idea che questo paesaggio si nutra di memorie autobiografiche e
famigliari, di storie che le hanno plasmate, e di una composta visionarietà che affonda le sue radici nella tradizione dell’arte italiana novecentesca con richiami che tengono insieme Realismo magico, Scuola romana, e il lavoro di alcuni scultori molto amati dall’artista come Pericle Fazzini.

Così se Io a Roma mostra una figura in cui si incontrano un ritratto del padre e un autoritratto che si staglia sullo sfondo di un paesaggio urbano infuocato come quelli di Scipione, What is Orange? Why, an Orange, just an Orange! è un misterioso doppio ritratto
che deriva da una foto appartenente all’archivio famigliare, che galleggia su una superficie in cui un tono dominante e vibratile sembra inghiottire e fare emergere, attraverso segni più assertivi e linee e tratti che sembrano nascondere e cancellare, altre
ipotesi di figure attorno a quelle principali. E ancora: da uno sfondo astratto e movimentato sembrano affiorare le figure de La storia che mi ha raccontato mio padre, che alludono a un racconto che non può ricomporsi in modo organico, così come frammentario è il paesaggio di figure e oggetti che si dispongono attorno al tavolo/banchetto di Biography of a painting table, scena vagamente casoratiana, in cui i corpi, i busti e i volti, di grandezze e scale differenti, vengono disposti attorno e sul tavolo come oggetti di una natura morta.
Accanto ai dipinti, in mostra, verrà anche presentato Facing fear with my hands, un video ritratto diretto da Davide Maldi che si sviluppa attraverso le parole dell’artista e soprattutto il racconto delle sue giornate in studio e del suo paesaggio d’appartenenza, quello di San Benedetto del Tronto, dove Angelini è nata e ha scelto di vivere.
Inoltre, la mostra sarà accompagnata da una serie di attività didattiche gratuite, coordinate dalla School for Curatorial Studies Venice, rivolte alle scuole del territorio vicentino e accessibili su prenotazione.


Umane Tracce

Dove: Kromart gallery

Quando: dal 23 febbraio 2022

UMANE TRACCE
di Nicola Paccagnella
A cura di Luisa Briganti ed Enzo Cortini
Per Kromart Gallery negli spazi del
Centro Sperimentale di Fotografia Adams
Dal 25 febbraio al 11 marzo 2022
Vernissage venerdì 25 febbraio 2022 ore 18,30
Via Biagio Pallai 12
info@csfadams.it kromartgallery@gmail.com
Fotografare è affidare la memoria all’eternità. Nicola Paccagnella ha fotografato qualcosa un attimo prima che cessasse di esistere. Tutto quello che vedete non c’è più. Da tempo la fabbrica di lavorazione del malto aveva cessato le sue operazioni e la sua originaria funzione. Abbattuto. Distrutto. Sparito. Tra incuria e abbandono, nel mezzo di un destino segnato, emergono tracce di vita, indizi di esistenza, bagliori di dignità. Dagli anni ’80, le regole di mercato e della produzione l’avevano via via svuotata del suo significato e della sua utilità e nel corso degli anni dell’abbandono è diventata il precario rifugio di molti. Ora chi ne ha preso in carico la responsabilità ha avviato un processo di riqualificazione complessiva e per l’edificio non c’è stata altra strada che la demolizione. Tra incuria e abbandono, nel mezzo di un destino segnato, sono però spuntate tracce di vita, indizi di esistenza, bagliori di dignità. In spazi vuoti che si sono riempiti, l’evidenza della presenza umana viene gradualmente a svelarsi in un percorso visuale in costante equilibrio tra contenuto emotivo e forza evocativa
Li definiamo “invisibili”, quasi a voler giustificare la nostra indifferenza; li identifichiamo come “clandestini”, affermando la nostra autorità; li immaginiamo “invasori”, invocando un potere che ci difenda. Sono tracce di esistenza, che ci portano a fare i conti con il nostro dilagante egoismo e ci invitano a riflettere e ritrovare il nostro essere Umani. Queste fotografie catturano lo spirito, tutti gli spiriti di uomini sconosciuti di ieri e di oggi. E perfino la forza delle cose, attorno a quelle persone. Raccontano per flash intrisi di forma affascinante, una forma che si è dissolta in polvere con la demolizione. Di quelle vite – quella produttiva e quella di catacomba per viventi – restano solo queste immagini. Il non c’è più, grazie ad esse, c’è ancora.
La mostra è accompagnata dal volume Umane Tracce (Ediz. Crowdbooks)



Nicola Paccagnella (1976-2020) nasce fotograficamente nel 2010, durante una intensa passeggiata solitaria a New York. Viaggiatore instancabile, si è mosso nell’ambito della fotografia di strada e d’architetture, focalizzando il suo interesse sugli elementi essenziali che compongono il paesaggio urbano, in cui la presenza umana è evocata più che mostrata. Ha partecipato a mostre fotografiche collettive a New York, Budapest, Cracovia, Genova e Trieste. Per lavoro e poi per ricerca personale, il rilievo e lo studio della riqualificazione urbana nel 2018, lo portano a realizzare il suo progetto più noto “Umane Tracce”, edito in un libro Crowdbooks e in mostra, con una personale, al 15th Photofestival Milano, I°classificato alla XVI edizione Premio Città di Terni “G.L.C. Byron” 2020. Nel 2021 è stato tra gli autori della IX edizione di Castelnuovo fotografia


Roy Claire Potter DEATH TO ALL

Dove: Venezia

Quando: 3 febbraio 2022-26 marzo 2022

Roy Claire Potter
DEATH TO ALL PIGS WHO ENTER HERE!

3 febbraio – 26 marzo
A plus A Gallery, Venezia
Preview 3 febbraio alle ore 18.00


La Galleria A plus A è lieta di annunciare la prima personale di Roy Claire Potter: Death to all pigs who enter here! La mostra segna un’importante evoluzione nella ricerca dell’artista che per l’occasione ha realizzato una serie inedita di oltre cento disegni di grande e piccolo formato su plastica, polietilene biodegradabile e carta presentati in un’immersiva installazione che si articola in tutte le sale della galleria.

Death to all pigs who enter here! unisce storie della brughiera del West Yorkshire lette nelle pergamene di corte medievali con le influenze cinematografiche e letterarie dell’artista, dal film cult inglese Threads (1984), in cui si racconta la vita quotidiana di due famiglie inglesi durante un possibile inverno nucleare, a The Butcher Boy (1992), romanzo dell’irlandese Pat McCab, nel quale Francie Brady, lo sfortunato giovane protagonista, coltiva una violenta ed esilarante vita di fantasia nel tentativo di sopravvivere a una frustrante esclusione sociale – un riferimento chiave in tutta la pratica di Roy Claire Potter, da cui prende il titolo la mostra stessa.

Se la rappresentazione di eventi violenti e esistenze travagliate, l’uso di personaggi o voci narranti sono elementi da sempre ricorrenti nella ricerca dell’artista Death to all pigs who enter here! trasporta queste suggestioni in una dimensione più teatrale, in un mondo fittizio dove il visitatore si confronta con un’invadente struttura tubolare alternata a ripari precari che dal soffitto scendono fino al pavimento ostruendo la vista e il movimento.

Numerosi piccoli disegni su carta fotografica mostrano piante e elementi animali, zoccoli, maiali arrabbiati e poi sorridenti, figure colorate che sembrano pastori sperduti o tristi ospiti di una festa in maschera. Personaggi di un mazzo di carte o di un album di famiglia, un’ingenua tassonomia di dettagli di questa scenografia che può essere vista e inventata infinite volte da qualsiasi cosa o chiunque si addentri in questo percorso di storie forse già avvenute o che accadranno non appena si distoglierà lo sguardo.

Roy Claire Potter ha recentemente presentato opera soliste e collettive con la MOSTYN Gallery (Llandudno, Galles – 2021); la Castlefield Gallery (Manchester, UK – 2021); con la stazione radio d’arte Radiophrenia (Glasgow, Irlanda – 2020); la BBC Radio 3 (2020); la Salzburger Kunstverein (2020); la Collecteurs (New York, USA – 2020); e la Tate Britain (2019). L’artista ha pubblicato due libri di scrittura d’arte sperimentale, Round That Way (Ma Bibliotheque, 2017) e Mental Furtniture
(VerySmallKitchen, 2014), e lavori più brevi sono stati pubblicati da Dostoyevsky Wannabe, Hotel Partisan, Tate Publishing e dal Centre For Contemporary Art Derry-Londonderry. Roy ha pubblicato audio con Cafe OTO (Londra, 2020), Sub Rosa (Belgio, 2018), Chocolate Monk (Brighton, 2018) e Fort Evil Fruit (Dublino, 2014/15).
Nel 2022 (l’artista presenterà / presenteranno) nuovi lavori con il Primary Arts Centre a Nottingham, e nuovi lavori collettivi con la musicista sud-coreana Park Jiha in occasione del Counterflows Music Festival a Glasgow e per l’etichetta discografica Cafe OTO’s Otoroku di Londra.


Punti di Vista - Arte & Colori

Dove: Galleria Gard - Roma

Quando: 11/12/2021 - 03/01/2022

PUNTI DI VISTA - ARTE & COLORI DAL MONDO
Mostra collettiva di Arte Contemporanea

Artisti: Silvano Debernardi - Emphi - Angela Esposito - Patricia Glauser - Fulvio Masciangioli - Marco Marciani - Sonia Mazzoli - Manuela Scannavini - Federica Scoppa - Vincenza Spiridione

A CURA DI: Sonia Mazzoli e Marina Zatta

L’esposizione è inserita nella
Giornata del Contemporaneo di A.M.A.C.I.
Associazione Italiana di Arte Contemporanea
https://www.amaci.org/

La GARD Galleria Arte Roma Design, realtà nata nel 1995, rivolta da sempre alla promozione e diffusione di arte emergente e design autoprodotto, presenta una nuova edizione dell'esposizione denominata " Punti di Vista - Arte & Colori dal Mondo " collettiva di Arte contemporanea che ospiterà diversi linguaggi Artistici: pittura , fotografia, scultura, grafica pittorica, sarà un mix di colori, di stili, di opere realizzate dal punto di vista dell'artista esecutore.

Ogni artista riesce a vedere e a catturare delle impressioni, delle sensazioni, delle emozioni, delle immagini e si sforza di rappresentarle attraverso il proprio "Punto di Vista" mettendo in opera le proprie tecniche la propria arte, l' approccio con l'esterno risulta diverso da individuo a individuo. Contestualmente, ogni spettatore o visitatore percorrendo lo spazio espositivo riuscirà a vedere tutte le opere e liberamente interpretarle dal proprio "Punto di Vista", traendone ciascuno le proprie emozioni individuali.

Le opere selezionate saranno di 10 artisti “Silvano Debernardi - Emphi - Angela Esposito - Patricia Glauser - Fulvio Masciangioli -Marco Marciani - Sonia Mazzoli - Manuela Scannavini - Federica Scoppa - Vincenza Spiridione”, diversi per generi e tecniche di esecuzione, l’esposizione sarà decisamente variopinta e movimentata.

Inoltre abbiamo inserito un Evento Extra all’interno della mostra Martedì 21 Dicembre - dalle 16,00 alle 21,00 ci sarà Art & Wine for Christmas - un accostamento “ Vino e Arte” gia sperimentato in passato con ottimi risultati, pertanto sarà organizzata una Degustazione a cura della Sommelier Federica Christine Marzoli Sommelier, Vini pregiati , e piccoli bocconi di eccellenze enogastronomiche, il tutto accompagnato da una selezionata, Mostra Mercato di Design - Artigianato e Prodotti Naturali, Per un regalo fuori dalle righe

Cenni Storici - Galleria Arte Roma Design:
Nasce nel 1995, con la funzione di editore, promotore, produttore e distributore di Arte e Design Autoprodotto. Nel tempo le sono stati riconosciuti contenuti di particolare creatività e fantasia sia da Istituzioni Pubbliche sia dai media che hanno seguito sempre con grande interesse l’evoluzione della Galleria diventata un importante punto nevralgico per gli artisti emergenti, un punto di raccordo e sperimentazione. Negli anni, numerosi personaggi del mondo della pittura, del design, della poesia, del teatro e del cinema, si sono avvicinati alla Galleria collaborando con il suo staff in numerose iniziative. Dal 1997 GARD sceglie come ubicazione uno spazio di 600 mq. tra il Gazometro e la Piramide Cestia, ex zona industriale del vecchio porto fluviale di Roma; spazio multifunzionale che si presta periodicamente per esposizioni ed eventi di arte, design e cultura, affiancando attività di promozione a laboratori creativi dedicati alla manualità, dedicando una specifica attenzione alla sperimentazione di nuovi linguaggi artistici e all’utilizzo di materiali di recupero e riciclo. Il 20 ottobre 2011 la Galleria viene coinvolta nell’alluvione di Roma ed è costretta a chiudere. Ci vogliono tre anni per poter bonificare e riqualificare i locali, tamponare e far fronte ai molti danni, viene fatto un progetto e un intervento di riduzione spazi e nuova destinazione d’uso di alcune aree. GARD, ha saputo tuttavia far fronte, specie in questi ultimi anni, agli innumerevoli problemi insorti con la solita volontà e grinta che l’anno sempre contraddistinta.

DOVE: GARD Galleria Arte Roma Design - V. Dei Conciatori 3/i (giardino interno) M Piramide
INAUGURAZIONE: Sabato 11 Dicembre - dalle 17,00 alle 21,00
EVENTO EXTRA: Martedì 21 Dicembre - dalle 16,00 alle 21,00 Art & Wine for Christmas
DURATA : Dall’11 Dicembre 2021 al 3 Gennaio 2022
ORARI: Dalle 16.30 alle 20.00 - dal lunedì - al venerdì - ( necessaria la prenotazione al 3403884778)
INGRESSO: libero - Infotel: +39 340.3884778 - Infomail: soniagard@gmail.com


Fragilità

Dove: Galleria Gard

Quando: 20/11/2021 - 07/12/2021

Fragilità

Esposizione Collettiva di Arte Contemporanea

Galleria GARD - Roma
ARTISTI: Rossana Bartolozzi - Francesca Bianchi - Angela Esposito - Patricia Glauser - Eleonora Lorenzini Sonia Mazzoli - Marisa Muzi - Manuela Scannavini - Vincenza Spiridione - Tineke Van der Laan

La Galleria GARD presenta da sabato 20 Novembre, la I° edizione della mostra “ FRAGILITÀ”


Siamo state amate e odiate - adorate e rinnegate - baciate e uccise solo perché donne (A. Merini ).

La violenza sulle donne fenomeno diffuso , che troppo spesso culmina nel vituperato crimine del femminicidio, è una piaga sociale contro la quale bisogna assolutamente non restare indifferenti, pertanto in occasione della ricorrenza del 25 Novembre, Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne, la Galleria Gard intende sensibilizzare il visitatore affrontando questa tematica attraverso un’esposizione collettiva dedicata all’arte contemporanea.

Per non dimenticare …

L’esposizione si aprirà sabato 20 novembre e resterà visitabile su appuntamento fino al 7 dicembre, 10 Donne sono le artiste selezionate, diverse per stile, linguaggi e tecniche usate, l'obbiettivo è creare un'esposizione ricca di generi artistici che segua il filo della narrazione del tema della mostra.

Galleria Arte Roma Design: è una storica galleria aperta negli anni ’90 che ha nel tempo progettato centinaia di eventi d’arte con più di 500 artisti. Situata al centro di Roma, nel quartiere Ostiense che vede la presenza del sito archeologico della Piramide Cestia, del Cimitero Acattolico in cui sono sepolti molte personalità della Storia e della Cultura e della Centrale Montemartini, spazio industriale adibito a Museo Archeologico.

Soqquadro è un'associazione culturale che nasce nell'ottobre del 2000 e da allora ad oggi ha realizzato più di 150 mostre in spazi pubblici e privati, in Italia e all'Estero, collaborando con circa 500 artisti, pittori, scultori, fotografi, video artisti, performer, designer.

A CURA DI: Sonia Mazzoli e Marina Zatta Staff : Lorenzo e Danielemaria Salinetti
DOVE: Galleria GARD V. Dei Conciatori 3/i (giardino interno codice entrata 9090) M Piramide
INAUGURAZIONE: Sabato 20 Novembre - dalle 17.30 alle 20.30
DURATA : Dal 20 Novembre al 7 Dicembre 2021
ORARI: Dalle 16.30 alle 19.30 - dal lunedì - al venerdì - solo su appuntamento “ WhatsApp o Sms”
INGRESSO: libero - Info e Prenotazioni +39 340.3884778 - Infomail: soniagard@gmail.com
Ufficio Stampa - Marina Zatta


Praga photo 2021

Dove: Praga namesty Repubbliky 7

Quando: dal 22 al 28 novembre 2021

Siamo lieti di annunciare la nostra partecipazione alla XIII° edizione di Prague Photo
Prague Photo 23 - 28 novembre 2021
- inaugurazione lunedì 22 novembre ore 18,00 -
Ospite d’Onore:

Gaia Adducchio
retrospettiva a cura di Luisa Briganti e Iva Nesvadbova

Espongono:

Sara Munari
a cura di Alessia Locatelli

Jack Sal
a cura di Manuela Del Leonardis

Antonella Monzoni
vincitrice della call for entry 2020 CSF Adams

Veronica Benedetti
vincitrice della call under 30 2021 CSF Adams

Alessandra Braun, Tomeu Coll, Gaetano De Filippo, Giorgio De Finis, François Fasnibay, Antonello Ferrara, Carola Graziani, Gian Marco Sanna e Paola Tornambe’
a cura di Luisa Briganti

Barbara Cannizzaro, Cristina Cappellini, Elisa Clementelli, Elda Occhinero, Simona Ramponi, Ivana Rinalducci, Amelie Soffietti, Marco Tanfi, Alessandro Tempesta, Paola Tornambe
collettiva degli allievi del corso di autoritratto a cura di Simona Ghizzoni

Ideazione e Direzione Artistica di Gabriele Agostini
Produzione Centro Sperimentale di Fotografia Adams e KromArtGallery.
www.praguefoto.cz
www.csfadams.it
www.kromartgallery.it


Arte & Parole

Dove: Galleria Gard

Quando: dal 23 ottobre al 12 novembre

Arte & Parole
Esposizione collettiva di arte contemporanea

galleria Gard - Roma
dal 23 ottobre al 12 novembre 2021

ARTISTI: Francesca Bianchi - Maya Brittain - Angela Consoli - Silvano Debernardi - Angela Esposito Sonia Mazzoli - Francesca Mollicone - Marisa Muzi - Alessio Piccinno - Federica Scoppa - Vincenza Spiridione

Curatela Sonia Mazzoli
Staff Lorenzo Salinetti

La Galleria GARD presenta da sabato 23 ottobre la XII° edizione della mostra ARTE & PAROLE , esposizione collettiva di Arte Contemporanea, inserita nel RAW - Rome Art Week 2021, è una delle mostre che la Galleria Gard propone a cadenza annuale,  il padrino del progetto era Remo Remotti ( attore, poeta e artista Romano ) , dopo la sua scomparsa è stato deciso di dedicare a lui le edizioni a venire.  Parte della serata inaugurale verrà dedicata alla parola. Undici sono gli artisti selezionati , diversi per stile, linguaggi e tecniche usate, l'obbiettivo è creare un'esposizione ricca di generi artistici che rende omaggio alla parola creando una con-fusione tra comunicazione verbale e visiva, il comune denominatore delle opere in esposizione è l’unione dell'opera con la parola, intesa non solo come parola reale, ma come verso, poesia, a volte immaginaria, collegata inconsciamente all'opera stessa.

La serata di apertura sarà accompagnata da: Video Performance Experience “ Impronte di Normalità 2021 “ - di Francesca Mollicone- dalle 17,30 alle 21,00 Presentazione del Romanzo “ Se è Amore. L’antefatto “ di Vincenza Spiridione a cura di Monica Zarelli di Lettori Virali - ore 18,00
Alle ore 16.30 di sabato 23 ottobre, in anteprima sull'apertura della mostra, i ragazzi del gruppo Autonomia "la vita è bella" visiteranno la mostra, guidati dalle educatrici Lucia De Rocco e Valentina Moruzzi, che operano nella Cooperativa Le 1000 e 1 notte che ha la finalità di integrazione sociale dei ragazzi speciali.
Cenni Storici - Galleria Arte Roma Design: 
Nasce nel 1995, con la funzione di editore, promotore, produttore e distributore di Arte e Design Autoprodotto. Nel tempo le sono stati riconosciuti contenuti di particolare creatività e fantasia sia da Istituzioni Pubbliche sia dai media che hanno seguito sempre con grande interesse l’evoluzione della Galleria diventata un importante punto nevralgico per gli artisti emergenti, un punto di raccordo e sperimentazione. Negli anni, numerosi personaggi del mondo della pittura, del design, della poesia, del teatro e del cinema, si sono avvicinati alla Galleria collaborando con il suo staff in numerose iniziative. Dal 1997 GARD sceglie come ubicazione uno spazio di 600 mq. tra il Gazometro e la Piramide Cestia, ex zona industriale del vecchio porto fluviale di Roma; spazio multifunzionale che si presta periodicamente per esposizioni ed eventi di arte, design e cultura, affiancando attività di promozione a laboratori creativi dedicati alla manualità, dedicando una specifica attenzione alla sperimentazione di nuovi linguaggi artistici e all’utilizzo di materiali di recupero e riciclo. Il 20 ottobre 2011 la Galleria viene coinvolta nell’alluvione di Roma ed è costretta a chiudere. Ci vogliono tre anni per poter bonificare e riqualificare i locali, tamponare e far fronte ai molti danni, viene fatto un progetto e un intervento di riduzione spazi e nuova destinazione d’uso di alcune aree. GARD, ha saputo tuttavia far fronte, specie in questi ultimi anni, agli innumerevoli problemi insorti con la solita volontà e grinta che l’hanno sempre contraddistinta.

DOVE: GARD Galleria Arte Roma Design -
V. Dei Conciatori 3/i (giardino interno codice entrata 9090) M Piramide

INAUGURAZIONE: Sabato 23 Ottobre - dalle 17.30 alle 21.00

DURATA : Dal 23 Ottobre al 12 Novembre 2021

ORARI: Dalle 16.30 alle 19.30 - dal lunedì - al venerdì - ( visitabile solo su appuntamento)
Info e Prenotazioni +39 340.3884778 - Infomail: soniagard@gmail.com

INGRESSO: libero

Ufficio Stampa - Marina Zatta


1 Metro di distanza - seconda

Dove: Galleria Gard

Quando: dal 18/09 - al 09/10 2021

1 Metro di distanza
seconda edizione

Esposizione collettiva di Arte Contemporanea
progetto di Marina Zatta - curatela Sonia Mazzoli

dal 18 settembre al 9 ottobre 2021

Galleria Gard - Roma

Artisti selezionati:
Romeo Albini, Noemi Aversa, Francesca Bianchi, Paolo Camiz, Barbara Filippi, Giovanni Ingrassia, Rudimentum di Ivan Maria La Mantia, Sonia Mazzoli, Scegle, Vincenza Spiridione, Matteo Traballoni

A marzo 2020 abbiamo dovuto iniziare a confrontarci con il distanziamento sociale, calcolando una misura di sicurezza gli uni dagli altri di 1 metro, cancellando in todo il concetto di vis-à-vis, dell’entrare in contatto. Questo ha inciso sulle comunicazioni verbali, sul dialogare, sulle relazioni sociali, sull’esternare empatia.

La distanza, pur se necessaria è diventata psicologica oltre che reale, come se nel dialogo si dissolvesse, centimetro per centimetro, la componente di intimità. Ci sentiamo più estranei.

Nell’allestimento di un’esposizione artistica la distanza tra le opere non è un fattore di scarso valore: i lavori artistici dialogano tra loro creando dissonanze e sinergie, di pensiero, di stile, di colore, di forma, di materia. Diviene perciò interessante una mostra nella quale la distribuzione delle opere calcoli con precisione il distanziamento di 1 metro le une dalle altre, creando intervalli obbligati nella narrazione.

E' possibile che si crei un'armoniosa relazione tra le opere se costrette in uno spazio preciso, predeterminato e invariabile, oppure il distanziamento sociale applicato all'esposizione artistica darà vita a una discrasia narrativa? Questa è la domanda a cui si cercherà di dare una risposta con questa mostra.

Dell'esposizione è stata realizzata una prima edizione a maggio 2021 che ha avuto un notevole successo di pubblico nonostante le difficoltà dovute al Covid-19, perciò si è deciso di dare vita a questa seconda edizione della mostra.

Gard Galleria Arte Roma Design è una storica galleria aperta negli anni ’90 che ha nel tempo progettato centinaia di eventi d’arte con più di 500 artisti. Situata al centro di Roma, nel quartiere Ostiense che vede la presenza del sito archeologico della Piramide Cestia, del Cimitero Acattolico in cui sono sepolti molte personalità della Storia e della Cultura e della Centrale Montemartini, spazio industriale adibito a Museo Archeologico.

Soqquadro è un'associazione culturale che nasce nell'ottobre del 2000 e da allora ad oggi ha realizzato più di 150 mostre in spazi pubblici e privati, in Italia e all'Estero, collaborando con circa 500 artisti, pittori, scultori, fotografi, video artisti, performer, designer.

DURATA: 18 settembre/ 9 ottobre 2021 - APERTURA: sabato 18 settembre ore 17:30
LUOGO: Galleria Gard - Via dei Conciatori 3/i - Roma (zona Piramide)
ORARI: dal lunedì al venerdì 16:30/20:00 su prenotazione al numero 3403884778
CURATRICI: Sonia Mazzoli e Marina Zatta
INFO: ass.soqquadro@gmail.com - soniagard@gmail.com
WEB: http://www.soqquadroarte.com/ - http://associazionesoqquadro.wordpress.com/
SOCIAL: https://www.facebook.com/pages/Associazione-Culturale-Soqquadro/

Per le visite sarà necessario rispettare il regolamento Anti Covid - 19


Pagine123456...32